Soffice infinito.

Stamattina mi sono svegliata sul divano.

C’ho messo un buon quarto d’ora a ricordarmi perché mi trovassi lì.

Non ricordo di aver sognato. Forse non l’ho fatto.

Ricordo solo di essermi svegliata con un’immagine.

Una di quelle che si stagliano nella mente proprio in questi pochi istanti in cui stai per aprire gli occhi.

Una di quelle dai contorni sfumati dal sonno e illuminati dalla realtà.

Dei palloncini che volano liberi.

Erano talmente tanti da coprire qualunque altra cosa.

Anche il cielo.

Eppure lo si percepiva lo stesso.

Quella sensazione di infinito che accoglie e che senti anche se non riesci a toccarlo.

Perché è lui che sfiora te.

A volte è solo un tocco. Una carezza.

A volte è una sensazione che senti nella pancia e che t’invade.

Sembra avere un proprio volume ma in realtà c’è. Sempre.

Sono i miei rumori a fargli concorrenza.

Quando li spengo, quando decido di essere, la sua melodia la sento forte.

E allora quei palloncini non scoppiano. Non si agganciano.

Volano trovando il loro spazio.

La loro dimensione.

Senza scalpitare.

Senza accavallarsi.

E poi quel cielo lo vedi.

Lo vedi prendersi gioco di te e del tuo scetticismo.

Ti sorride.

E mentre mi immergo in quell’immagine, mi riprometto di credere in quel blu infinito anche quando non lo vedo.

Di credere di esserne accarezzata, anche quando non lo sento.

Di farne parte anche quando la mia anima si isola e si distrae capricciosa.

Torno a farci pace e volo anch’io tra quei palloncini.

Splendendo dei miei colori.

Nel mio piccolo spazio infinito.

Sulla soffice nuvola della mia vita.

palloncini

 

Annunci